#CARICAMENTO#…

Riferimenti normativi


Apparecchi messi in servizio prima della direttiva macchine:
L’apparecchio deve essere collaudato in accordo al D.M. 12/09/59 (Libretto di collaudo ISPESL).
L’apparecchio deve essere in regola con gli articoli del D.P.R. 547/55 ed in particolare:
Art. 171 L’apparecchio di sollevamento deve possedere l’indicazione della portata massima
ammissibile sulla struttura - sul braccio - sul gancio;
Art. 172 Il gancio dell’apparecchio deve essere munito di dispositivo di chiusura all’imbocco;
Art. 173 L’apparecchio deve essere munito di idoneo dispositivo di frenatura;
Art. 174 L’apparecchio deve essere dotato di idoneo dispositivo di arresto automatico e
graduale in caso di mancanza improvvisa della forza motrice;
Art. 175 L’apparecchio deve essere dotato di dispositivo acustico di segnalazione e di
avvertimento;
Art. 176 L’argano di sollevamento deve essere dotato di dispositivo atto ad impedire lo
svolgimento della fune/catena oltre la posizione limite;
Art. 177 L’apparecchio deve essere dotato di un dispositivo atto ad impedire l’irregolare
avvolgimento della fune e/o catene nella propria sede;
Art. 178 Il rapporto tra il diametro delle funi metalliche/fili elementari e quello del
tamburo/puleggia di rinvio deve rispettare i valori di Legge;
Art. 179 Le funi/le catene dell’apparecchio devono rispettare il valore del coefficiente di
sicurezza in rapporto allo sforzo massimo ammissibile e alla portata;
Art. 180 Gli attacchi delle estremità delle funi dell’apparecchio di sollevamento devono essere
realizzati in modo tale da evitare sollecitazioni pericolose e/o lo scioglimento dei trefoli;
Art. 182 L’accesso al posto di manovra deve essere agevole e sicuro la zona di azione del mezzo deve essere perfettamente visibile dal posto di manovra;
Art. 183 Gli organi di comando devono essere:
- disposti in modo da essere azionati agevolmente
- conformati in modo da impedire la messa in moto accidentale;
Art. 185 Nella zona di lavoro del mezzo di sollevamento deve essere esposto un cartello nel quale
siano chiaramente leggibili gli avvisi di istruzione per l’uso e le manovre;
Art. 188 Le testate del ponte devono essere sbarrate al fine di impedire l’accesso alle vie di corsa
del carro ponte se risultano impercorribili;
Art. 189 La stabilità della struttura dell’apparecchio di sollevamento deve essere assicurata con
mezzi adeguati;

Apparecchi messi in servizio dopo l’entrata in vigore delle direttiva macchine 89/392CE devono avere:
Libretto o verbale di prima verifica rilasciato da ISPESL o INAIL;
Dichiarazione di conformità del costruttore;
Libretto di uso e manutenzione del costruttore;
Registro del controllo aggiornato;

Per tutti i mezzi:
Verbali delle verifiche periodiche eseguite dalla ATS o da Soggetto abilitato;
Registro delle verifiche trimestrali delle funi o delle catene;
Risultati delle verifiche eseguite da persona competente (art. 71 comma 8 D. Lgs. 81/08);

Per i mezzi con più di 20 anni dalla data di fabbricazione, documento per individuare eventuali vizi, difetto
o anomalie, prodottisi durante la vita di utilizzo, nonché stabilire la vita residua in cui il mezzo potrà
operare in condizioni di sicurezza (par. 3.2.3 all. II D.M. 11/04/2011).